SE DESIDERATE LASCIARE UN COMMENTO ANDATE AL LIBRO DEGLI OSPITI

 

- CLIK SUL LIBRO -

 

 

AGGIORNATO IL 12 FEBBRAIO 2018 

TESTO

ZECCA

CATALOGAZIONE MONETE

MASSARI ALL'ARGENTO

COMPLETO

COMPLETO

MANCA-MEZZA DOPPIA

COMPLETO


FRANCESCO ERIZZO

DOGE 98° (1631-1646)

 

 

 Massari all’argento

 

( sigle )

  

 

UM 

URBANO MALIPIERO 

18 AGOSTO 1630-02 DICEMBRE 1630 

R.4 

 

 

LF 

LUCA FALIER 

02 DICEMBRE 1630-03 FEBBRAIO 1631 

COMUNE 

 

 

 

RIFERIMENTO:

                            VEDI DOGE:  NICOLO’ CONTARINI

                            MASSARI:     LF- LUCA FALIER

                                                   DM-DOMENEGO MICHIEL

 

IL MASSARO LUCA FALIER 

 

...NEL REGISTRO DELLA ZECCA, ALLA VOCE MASSARI IN CARICA, FOLIO 12 IBID. 11, PROVVEDITOR  IN ZECCA, PARTI IN SENATO,  DATATO 15 FEBBRAIO 1631, E' NOTIFICATA L'AVVENUTA SOSTITUZIONE TEMPORANEA DEL MASSARO  LUCA FALIER CON IL PATRIZIO, DOMENEGO MICHIEL.

 

PER DECRETO ESECUTIVO IL MASSARO LUCA FALIER, RIENTRA,  ED E' OPERATIVO COME AIUTANTE ALLE MAESTRANZE DELLA ZECCA DAL 02 APRILE 1631, PRIMA DELL'ELEZIONE  DEL DOGE FRANCESCO ERIZZO  AVVENUTA IL 10 APRILE 1631.

 

IL MASSARO DOMENEGO MICHIEL CONIA MONETE  PER MENO DI DUE MESI,  FINO ALLA MORTE DEL DOGE NICOLO' CONTARINI, AVVENUTA IL 2 APRILE 1631 E CONTINUA AD ESSERE  IL  RESPONSABILE DI ZECCA ANCHE CON IL DOGE SUCESSIVO, FRANCESCO ERIZZO, FINO AL TERMINE DEL SUO MANDATO, AFFIANCATO PER DECRETO ESECUTIVO DAL MASSARO LUCA FALIER, IN DATA 02 APRILE 1631.  

 

A CAUSA DELLA CONTINUA RICHIESTA DI CONIAZIONE DI DENARO PER I MERCATI DEL DOMINIO E DELLA GRANDE DISPONIBILITA' DI ARGENTO NEI FORZIERI DELLA ZECCA, ERA NECESSARIA UNA FORTE MANODOPERA ALL'INTERNO DELLA ZECCA STESSA E QUINDI ERANO NECESSARI FORZOSAMENTE DUE MASSARI PER UN CONTROLLO CAPILLARE.

 

(voci: Zecca e Senato ...sopra arzenti ...anni 1630-1631-ibid, 12 filza 8-9-10-12.-Corpus Mass.-).

 

LE MONETE SIGLATE DAL MASSARO LUCA FALIER SOTTO IL DOGATO DI FRANCESCO ERIZZO, A MIO AVVISO SONO "RELATIVAMENTE" COMUNI.

LUCA FALIER LO SI TROVA SPESSO CITATO CON DOMENEGO MICHIEL  SULLE... MAESTRANZE DELLA ZECCA.

 

 

 

 

 

DM

DOMENEGO MICHIEL

03 FEBBRAIO 1631-4 MAGGIO1632

COMUNE

 

COLLEZIONE - R.M.BORDIN -
COLLEZIONE - R.M.BORDIN -

 

SOTTO IL DOGATO DI NICOLO' CONTARINI  LE MONETE DI QUESTO MASSARO SONO ESTREMAMENTE RARE, PERCHE CONIATE PER MENO DI DUE MESI,  FINO ALLA MORTE DEL DOGE,  AVVENUTA IL 2 APRILE 1631.

DOMENEGO MICHIEL, CONTINUA IL SUO MANDATO  DI  RESPONSABILE DI ZECCA FINO AL TERMINE DEL SUO MANDATO.

LE MONETE CON LE SUE SIGLE, DIVENTANO COMUNI SOTTO IL DOGATO DEL DOGE FRANCESCO ERIZZO.

 

 

GB

GIACOMO BAROZZI

   04 MAGGIO 1632-09 MAGGIO1633

COMUNE

 

 

ZD

ZUANNE DIEDO

04 MAGGIO 1633-12 SETTEMBRE 1633 

NON COMUNE

 

 

BC

BENEDETTO CONTARINI

12 SETTEMBRE 1633-25 AGOSTO 1634

COMUNE

 

 

 

MA.M

MARC'ANTONIO MALIPIERO

25 AGOSTO 1634-11 SETTEMBRE 1634 

R.3

 

 

COLLEZIONE - R.M.BORDIN -
COLLEZIONE - R.M.BORDIN -

 

SI LEGGE IN UN DOCUMENTO DATATO 22 SETTEMBRE 1634 CHE IL MASSARO, MARC'ANTONIO MALIPIERO VIENE SOSPESO...AD ULTRA DAI PROVVEDITORI SOPRA ORI ET ARZENTI 1L 09 SETTEMBRE 1634 CON ORDINE DI NON POTER RICOPRIRE QUESTA CARICA NEGLI ANNI A VENIRE.

  

NON SONO RIUSCITO A TROVARE ALCUNA DOCUMENTAZIONE CHE DESCRIVA PER QUANTO TEMPO DOVESSE DURARE LA SOSPENSIONE. 

 

NON HO TROVATO IN ALTRI DOCUMENTI SUCESSIVI, LA CAUSA DELLA CONDANNA INFLITTA DAI PROVVEDITORI.

 

SEBBENE I TEMPI PER LA DISTRIBUZIONE DELLE MONETE ERANO RISTRETTI, VI È DESCRITTO IN UNA NOTA NEL DECRETO DEI PROVVEDITORI CON DATA 10 SETTEMBRE 1634, CHE FÚ ORDINATO AL MASSARO MARC'ANTONIO MALIPIERO DI ESEGUIRE IMMEDIATAMENTE SCUDI E MEZZI E QUARTI-QUARTI DI DUCATO E OTTAVI CON S. GIUSTINA-, PER 50.000 DUCATI.

 

SICURAMENTE DOPO LA CONDANNA INFLITTA AL MASSARO MARC'ANTONIO MALIPIERO, TUTTE LE MONETE IN CIRCOLAZIONE A VENEZIA VENNERO IMMEDIATAMENTE RITIRATE MA ALTRE, SEBBENE IN UN QUANTITATIVO IMPRECISATO USCIRONO DALLA CITTÁ, IN PARTICOLARE MODO DAI COMMERCIANTI DI MERCI PREGIATE.

 

BISOGNA TENERE CONTO CHE, AD UN EVENTO COSÍ "GRAVE" RIGUARDANTE QUESTO MASSARO, LA REPUBBLICA NON DAVA E NON ERA TENUTA A DARE UNA SPIEGAZIONE UFFICIALE ATTENDIBILE, ORDINANDO IL RITIRO DELLE MONETE ALL'INTERNO DEL DOMINIO ATTRAVERSO I BANCHI DI CAMBIO, CON ESECUZIONE IMMEDIATA.

 

LE MONETE CON LA SIGLA MA.M SONO MOLTO RARE ED IN PARTICOLARE MODO SE QUESTE HANNO UN GRADO ALTO DI CONSERVAZIONE.

 

ALLA FINE DELL'ANNO 1971, INIZIO ANNO 1972, SONO APPARSE PARECCHIE MONETE SUI MERCATI IN AUSTRIA E IN GERMANIA, (SICURAMENTE UN RITROVAMENTO).

 

SI VENNE A SAPERE SUCCESSIVAMENTE DA FONTI PIÚ O MENO ATTENDIBILI CHE IL QUANTITATIVO FOSSE DI CIRCA 750 MONETE IN ARGENTO DI GROSSO MODULO, PER POI ESSERE RETTIFICATO VERSO OLTRE I MILLE...?

 

IL "RITROVAMENTO" ERA COMPOSTO DA TALLERI AUSTRIACI, TALLERI TEDESCHI E SCUDI VENEZIANI.

 

ESATTAMENTE QUANTE FOSSERO LE MONETE VENETE NON SI VENNE MAI A SAPERE MA POCO DOPO APPARVERO SEMPRE SUI MERCATI NUMISMATICI E ASTE, SCUDI DA 140 SOLDI E MEZZI, DUCATI CON S. GIUSTINA DA 124 SOLDI E MEZZI (POCHI ESEMPLARI), DEL DOGE FRANCESCO ERIZZO CON SIGLE DEI MASSARI: DM-GB-GC-MA.M.

 

ANCHE ALCUNI ESEMPLARI DI SCUDI DA 140 SOLDI DEL DOGE NICOLÓ CONTARINI.

 

LA CONSERVAZIONE DELLE MONETE DESCRITTE VARIAVA MEDIAMENTE DAL MB 2 AL BB 3-4.

 

SONO SICURO CHE DA ALLORA AD OGGI I COLLEZIONISTI SONO RIUSCITI AD ASSORBIRE TOTALMENTE IL QUANTITATIVO DELLE MONETE ALLORA IMMESSE SUI MERCATI INTERNAZIONALI, SENZA CONTARE DEGLI ALTRI VARI RITROVAMENTI AVVENUTI IN ALTRE LOCALITÁ.

 

ATTUALMENTE SI RIESCONO A TROVARE ANCORA ABBASTANZA FACILMENTE ESEMPLARI CON LE SIGLE DEL MASSARO MA.M, TENENDO CONTO CHE NON SONO MOLTISSIMI I COLLEZIONISTI DI SCUDI DA 140 SOLDI, MEZZI, QUARTI, OTTAVI, E COSÍ PER I DUCATI CON S. GIUSTINA DA 124, MEZZI, QUARTI, OTTAVI.

 

IL VERO MOTIVO É CHE LA MAGGIORE PARTE DEI COLLEZIONISTI DI MONETE DELLA REPUBBLICA VENETA TIENE CONTO DELLA RARITÁ DI QUESTE MONETE IN BASE AL DOGE E NON AL MASSARO.

 

VA DA SOLO IL FATTO CHE LA DISPONIBILITÁ DELLE MONETE DI FRANCESCO ERIZZO ESSENDO STATE CONIATE IN GRANDI QUANTITÁ SONO DISPONIBILI CON UNA CERTA FREQUENZA SUI MERCATI ATTUALI, QUINDI VI É PIÚ DISPONIBILITÁ SUI MERCATI ATTUALI ANCHE CON LE SIGLE DI MASSARI, RELATIVAMENTE RARI.

 

IL VERO PROBLEMA RESTA COMUNQUE, CHE ATTUALMENTE I COLLEZIONISTI DELLE MONETE DELLA REPUBBLICA DI VENEZIA DELLA PRIMA GENERAZIONE SONO RIMASTI IN POCHI.

 

I COLLEZIONISTI DELLA “NUOVA” SECONDA GENERAZIONE, TROVANO DIFFICOLTOSO CAPIRE EFFETTIVAMENTE CHE DOVRÁ PASSARE ANCORA DEL TEMPO PER ACCORGERSI DELLA VERA RARITÁ DELLE MONETE DELLA REPUBBLICA VENETA ATTRAVERSO I MASSARI.

 

ATTUALMENTE, LA CAUSA É DA ATTRIBUIRSI ALLE SCARSE PUBBLICAZIONI DI LIBRI, ESISTENTI E DISPONIBILI SUI MERCATI SPECIALIZZATI NEL SETTORE, OTTIMI A MIO AVVISO, MA VOLTI QUESTI, NELLA SPECIFICA CATALOGAZIONE E NELLA VALUTAZIONE ATTUALE ALL’USCITA DELLA PUBBLICAZIONE, DELLE MONETE IN QUESTIONE.

 

I DOCUMENTI ESISTENTI, OGGETTIVAMENTE OGGI, SONO DIFFICILI DA CONSULTARE ATTRAVERSO LE COMPLESSE RICERCHE NEGLI ARCHIVI DI STATO E QUINDI ECCO IN DEFINITIVA L’ATTUALE REALTÁ.

 

SONO SICURO, CHE QUANDO LA “NUOVA” GENERAZIONE DI COLLEZIONISTI RIUSCIRÁ A COMPRENDERE ATTRAVERSO VARI STUDI IN QUESTO SPECIFICO SETTORE E…QUESTO… IN UN FUTURO ABBASTANZA BREVE ACCADRÁ, "PURTROPPO", DOVREMO FATICARE MOLTO PER REPERIRE QUESTE MONETE AVENTI LA RARITA’ DOVUTA DAL MASSARO, CON LA MIGLIORE SPERANZA DI SPUNTARE ANCHE UN… BUON PREZZO… NEI VARI MERCATI COMMERCIALI.

 

 

 

 

LEGENDA ESATTA

 

 

 

FRANC* ERIZZO* DUX *VENE*

 

 

 

 

CAMBIA LA LEGENDA AL D/

 

 

 

FRANC*ERRZO*DUX*VENE*

 

 

 

 

 

VERAMENTE MOLTO RARE SONO LE MONETE CON LA LEGGENDA ERZZO, CONIATE DA MARC’ANTONIO MALIPIERO COME QUELLE DEL MASSARO ALVISE ZUSTO OPERANTE IN ZECCA CON MANDATO DALL’11 SETTEMBRE 1634 E CON SCADENZA IL 19 GENNAIO 1635.

 

 

 

QUESTE MONETE, ESISTONO NELLE COLLEZIONI PRIVATE E ALCUNE, ANCHE SE IN MANIERA SPORADICA, SONO APPARSE SUI MERCATI NUMISMATICI CON LA LEGGENDA ERZZO.

 

SEBBENE PER IL MASSARO ALVISE ZUSTO VI E’ UNA MEDIO BASSA DOCUMENTAZIONE, PER IL MASSARO MARC’ANTONIO MALIPIERO, HO RISCONTRATO MOLTE DIFFICOLTA’ NEL REPERIRE SCRITTI E QUINDI NON SONO RIUSCITO A TROVARE UN’ADEGUATA DOCUMENTAZIONE AL RIGUARDO.

 

 

 

  

AZ

ALVISE ZUSTO

11 SETTEMBRE 1634-19 GENNAIO 1635

(LA CARICA DEL MASSARO ALVISE ZUSTO DURA 130 GIORNI CIRCA

R.3

 

COLLEZIONE - R.M.BORDIN -
COLLEZIONE - R.M.BORDIN -

 

 

ALVISE ZUSTO 

 

LEGENDA ESATTA

  

FRANC* ERIZZO* DUX *VEN*

 

COLLEZIONE - R.M.BORDIN -
COLLEZIONE - R.M.BORDIN -

 

ALVISE ZUSTO

  

CAMBIA LA LEGENDA AL D/

  

FRANC*ERRZO*DUX*VEN*

 

 

 

 

 

RARAMENTE ANCHE ALCUNE  MONETE CONIATE DA ALVISE ZUSTO COME QUELLE DEL MASSARO MARC’ANTONIO MALIPIERO OPERANTE IN ZECCA CON MANDATO DAL 25 AGOSTO 1634  E CON SCADENZA 11 SETTEMBRE 1634  PORTANO LA LEGGENDA ERZZO.

 

NON  SONO RIUSCITO A TROVARE  DOCUMENTAZIONE A RIGUARDO DI PROVVEDIMENTI O CONDANNA DA PARTE DEL SENATO VERZO QUESTO MASSARO.

 

SI PENSAVA ATTRAVERSO DEGLI SCRITTI DI NUMMOGRAFIA VENEZIANA CHE FINO A POCO TEMPO ADDIETRO LE MONETE CON LA SCRITTA - ERRZO - FOSSERO STATE CONIATE PER ERRORE DOVUTO DAGLI APPRONTATORI DI CONIO “DI SECONDA CATEGORIA”.

 

L'ATTRIBUZIONE DI QUESTA AFFERMAZIONE NON É ESATTA.

 

GLI APPRONTATORI DI CONIO VOLUTAMENTE CHIAMATI “DI SECONDA CATEGORIA” NON ESISTEVANO E NON SONO CITATI IN NESSUNO DECRETO DELLO STATO O FILZA.

 

VI ERANO NELLE MAESTRANZE DELLA ZECCA DEGLI OPERAI SPECIALIZZATI, AVENTI LA CARICA DI STAMPIGLIATORI.

 

IL DECRETO DATATO 10 SETTEMBRE 1644 ALLA VOCE 6/12, DECRETA CON ORDINE ESECUTIVO CHE I CONII SIANO APPRONTATI, CON TUTTE LE DOVUTE MAESTRANZE ALL’INTERNO DELLA ZECCA, DAL MASSARO ALVISE ZUSTO.

 

IL MASSARO DEVE APPORRE LE PROPRIE INIZIALI AZ, COME DA DECRETO ESECUTIVO.

 

L' ORDINE É DI PRODURRE ENTRO I ... PROSSIMI DEI PRIMI QUATTRO MESI FATTI NUMERI 800 DE PEZZI COLLE IMPRONTE DE SCUDI DELLA CROCE DA 140 ... SOLDI.

 

IL MASSARO ALVISE ZUSTO A SUA VOLTA DÁ L'ORDINE DI ESEGUIRE I CONII AGLI ADDETTI APPRONTATORI.

 

SI LEGGE CHE PER UN ERRORE, DOVUTO AD UN CONTROLLO APPROSIMATIVO, UN BASSO QUANTITATIVO DI QUESTI SCUDI VIENE ESEGUITO CON IL NOME DEL DOGE ERRATO.

 

GLI SCUDI DELLA CROCE DA 140 SOLDI VENGONO DISTRIBUITI, COME SOLITO, NEI BANCHI DI CAMBIO E CAMBIATI AI COMMERCIANTI, E SOLAMENTE DOPO ALCUNI GIORNI, TRAMITE PROCLAMI, VENGONO ALLERTATE TUTTE LE CAPITANERIE DEL DOMINIO DI TERRAFERMA, E VENGONO RITIRATI TUTTI GLI SCUDI CON LA LEGGENDA ERRATA.

 

SI LEGGE IN UNA NOTA DEL SENATO, CHE, IN DATA 10 NOVEMBRE 1634, IL MASSARO ALVISE ZUSTO VIENE RICHIAMATO DAI PROVVEDITORI SOPRA GLI ORI E ARGENTI. ALVISE ZUSTO VIENE CONDANNATO AL RIFACIMENTO DELLE MONETE ERRATE, GIÁ RITIRATE, A SUE SPESE, INOLTRE GLI VIENE DATA UN’AMMENDA, PER IL DANNO RECATO ALLA REPUBBLICA DI VENEZIA, DI DUCATI MILLE, DA PAGARE IMMEDIATAMENTE.

 

ESSENDO QUESTA MONETA EFFETTIVAMENTE MOLTO RARA, HO RITENUTO OPPORTUNO CATALOGARLA CON GRADO DI RARITÁ 3.

 

 

 

BB

BERNARDO BALBI

19 GENNAIO 1635-26 FEBBRAIO 1635

R.4

 

QUESTE MONETE CON LE SIGLE  BB, SONO ESTREMAMENTE RARE.

 

IL GRADO DI CONSERVAZIONE FREQUENTEMENTE E' BASSO.

 

 

1112-EX COLLEZIONE R.M.BORDIN
1112-EX COLLEZIONE R.M.BORDIN

 

 

ZV

ZACCARIA VALIER

26 FEBBRAIO 1635-15 APRILE 1637

COMUNE

QUESTO MASSARO  PER DECRETO RICOPRE LA CARICA PER UN SECONDO MANDATO CONSECUTIVO

 

 

8 MARZO 1635

 

 

 

IL SENATO RESPINGE LA PROPOSTA DI AUMENTARE IL VALORE DI TUTTE LE MONETE DEL 20%.

 

IL VALORE DELLO ZECCHINO RIMANE A LIRE 12.

 

IL VALORE DELLO SCUDO DA 140 SOLDI RIMANE A LIRE 8 SOLDI 8.

 

IL VALORE DEL DUCATO DA 124 SOLDI (S. GIUSTINA) A LIRE 7 SOLDI 8.

 

IL VALORE DEL REALE A LIRE 6 SOLDI 15.

 

(Vedi Zecca 8 Marzo 1635 pag. 15)

 

 

 

 

DB

DONA' BEMBO

15 aprile 1637-15 aprile 1638

COMUNE 

 

 

COLLEZIONE - R.M.BORDIN -
COLLEZIONE - R.M.BORDIN -

 

VV

VALERIO VALIER

28 GIUGNO 1637-13 LUGLIO 1638

R.1

 

 

 

 

 

COLLEZIONE - R.M.BORDIN -
COLLEZIONE - R.M.BORDIN -

 

QUESTO MASSARO VIENE AFFIANCATO QUASI DUE MESI DOPO LA CARICA DI  DONA' BEMBO PER  PROBLEMI DI SALUTE

 

 

VD

VINCENZO DIEDO

13 LUGLIO 1638-02 NOVEMBRE 1638

R.2